maestranze mute




lingua in bocca più di una – nativa,
ma anche acqua! e diverse acquoline.
papille gustative a un eco avezze
consumate da incomprensione, vizze,

esperte di silenzi millenari
cavalcare a babele impalcature;
ampio gesticolare vi catturi
la mimica facciale percepite

al volo: la maschera e la persona.
chiamarsi chiara…doloroso dono
“in guisa del parlar di quella vaga
che Amor consunse come sol vapori”


Nessun commento:

Posta un commento

here we are