E stradde


A luxe gianchìscima, arba,
de antighe mattinn-e
a muagia de nuvie òua a garba,
lontann-e, vexinn-e.
A luxe di antighi collegi
co-i tristi figgeu,
che prégan e van de pe-i vegi
saloin e corrieu
e van e se tégnan pe man
e ammìan un pò ròuxi,
ciù in là di rastelli lontan,
l'inäio di mòuxi.
e chinn-an, un giorno, in bregadda,
co-i sò pessin späi
a-e àgrime sàie da stradda,
à persci lunäi.
Un àngeo co-e äe grende o veua
unn'àmoa de ciæo
e o gäro di giorni de scheua
o vegne ciù ræo.
Strazetti ch'anàvan a-a mænn-a,
là donde i messiäi
ammiàvan o mâ e fàvan cænn-a
a-i tempi ciù amäi,
son ombre de stradde scentæ
da-a pùa de sto mondo
e i mòrti, à l'orbetta, astrunnæ,
ne çèrcan o fondo.
I nommi da stæ d'in scê lasse
sarçìscian o çê
aggueitan da lögie e terrasse,
prelùxan d'amê.
E i ærboi, a-o reciammo da stella,
co-e sò ciöme imböse,
se séntan che drento a strixella
a vitta de cöse,
ch'a passa inte feugge e a raxonn-a
da-o cheu da fontann-a,
da-e reixe da tæra a tontonn-a
co' un son de campann-a.



Le strade. La luce bianchissima, candida / delle antiche mattine /
ora buca il muro di nuvole, / lontane, vicine. // La luce
degli antichi collegi / con i malinconici bimbi, / che pregano
e vanno per i vecchi / saloni e corridoi // e vanno tenendosi
per mano / e guardano con un po' di malumore, / oltre i cancelli
lontano, / l'agitarsi delle onde, // e scendono un giorno,
in brigata, / con i loro piedini pallidi, / alle lacrime
salate della strada, / a perduti lunari. // Un angelo
dalle ali grandi versa / un boccale di chiarore / e la foschia
dei giorni di scuola / si fa più rada. // Stradine che andavano
alla spiaggia, / là dove i nonni / guardavano il mare inoperosi /
ai tempi più amari, // sono ombre di strade sparite /
dalla polvere di questo mondo / e i morti, alla cieca, storditi,
ne cercano il fondo. // I nomi dell'estate sulle spiagge /
percorrono il cielo / fanno capolino da logge e terrazze /
brillano di miele. // E gli alberi, al richiamo della stella, /
con le loro chiome rovesciate, / avvertono scorrere dentro /
la vita delle cose. // che passa nelle foglie e discorre /
dal cuore della fontana, / brontola dalle radici della terra /
con un suono di campana.

Nessun commento:

Posta un commento

here we are