derê e poule, con la versione dell'autore (studiando la mia lingua originaria)






Gh’é tristessa
derê e poule,
en lenti cari
che pòrtan
sensa pösa
ciappi de ti
da teu consciensa
do teu còrpo
in sce futi sentê
de scilençio.

T’æ into cheu o fattoriso
de ’n giorno distante
ma fito
o straluxe, o s’ammerma
inte ’n rançio tramonto
d’erlia.



15.IX.82.



C’è tristezza / al di là alle parole, / sono lenti carri / che portano / all’infinito
/ cocci di te / della tua coscienza / del tuo corpo / lungo pallidi sentieri
/ di silenzio. // Hai nel cuore il sorriso / di un giorno lontano / ma subito

/ trasluce, scompare / in un rancido tramonto / di angoscia.

Nessun commento:

Posta un commento

here we are