j òmm che van tra j òmm














Sí, amis, sèm presuné. Sèm fjö de rana,
s’ingàrbium dent la pèll di nost paür:
gh’èm pü dulur, în mort i amur, e svana
la vita nostra cume i ciâm nel scür.
E quand ne vègnum föra, sèm pü nient,
sèm l’aria che la passa e che se scorda,
‘me ‘n vècc che dré se porta i sentiment,
‘m ‘j òmm che van tra j òmm senza memoria..
E vèmm… Ma in due vèmm? Cusa respira
dré de quèl’aria che gh’èm paüra a véd?
Fèmm ‘me la bissa, ffs’cium, e i nòster pass
slísen dré i mort, e pàssen ‘me la vita;
pien de silensi, stracch, pien de viltâ.


Sì amici, siamo prigionieri, siamo figli di rana, / c’ingarbugliamo nella pelle delle nostre paure: / non abbiamo più dolori, sono morti gli amori, e svanisce / la vita nostra come i richiami nell’oscurità. / E quando ne veniamo fuori, non siamo più niente, / siamo l’aria che passa e si dimentica, / come un vecchio che dietro si porta i sentimenti, / come gli uomini che vanno tra gli uomini senza memoria .. / E andiamo .. Ma dove andiamo? Cosa respira / dietro quell’aria che abbiamo paura di guardare? / Facciamo come la biscia, fischiamo, i nostri passi / scivolano dietro i morti, e trascorrono come la vita, / pieni di silenzio, stracchi, pieni di viltà.


*


Recordi ‘na mia câ senza memoria
due süj piastrej mí ghe giugavi al sû
e föra el piuisnà l’era ‘na storia
che nel scultata me pareva un mund:
e l’era el mund che lüs da la fenestra
a mí nel smentegàm in mezz al sû.
Recordi quèla câ sensa memoria
tra j ort, i bianch tendin, el trèm del dí,
el ciel che vègn a mí cun el scires,
i vus luntan di dònn che ciama ai vill.
Tra ‘l vègn d’un piuisnà curr la memoria,
fenestra d’una câ che cerca mí.


Ricordo una mia casa senza memoria / dove sulle piastrelle giocavo al sole / e fuori il piovigginare era una storia / che nell’ascoltare mi pareva un mondo: / ed era il mondo che luce alla finestra / a me nel dimenticarmi in mezzo al sole. / Ricordo quella casa senza memoria / tra gli orti, le bianche tendine, il tremare del giorno, / il cielo che viene a me con la ciliegia, / le voci lontane delle donne che chiamano alle colline. / Tra il sopravvivere d’un piovascare corre la memoria / finestra d’una casa che cerca me.



*


Mí seri un àlter, e me vardavi mör
cume se varda l’umbra nel durmí.
La mort la fa paüra dent al cör
e scappa dré d’un spècc, e quèl sun mí.
Vardi la vita e mör la vuluntâ:
fí sé ve pias, ma, per piasé, duprím!
Ciamím, ciamím, oh gent, fím no durmí,
che la mia storia senti smentegada
e mí deventi l’òm del mè murí..
Amur che vègn in mí da la slünada,
oh gioia d’aqua che la va tra i vív!


Io ero un altro e mi guardavo morire / come si guarda l’ombra nel dormire. / La morte fa paura dentro al cuore / e scappa dietro uno specchio, e quello sono io. / Guardo la vita e muore la volontà: / fate quel che vi pare, ma, per piacere, adoperatemi! / Chiamatemi, chiamatemi, gente, non fatemi dormire, / che la mia storia sento dimenticata / e io divento l’uomo del mio morire .. / Amore che viene in me dal luneggiare, / oh gioia d’acqua che passa tra i vivi!



*

Nessun commento:

Posta un commento

here we are