Tutto lo riguardava molto e per niente








Nella vita o si è ritenuti bonaccioni e capiti alla bell’e meglio, oppure si è presi sul serio ed evitati.


Interiormente era, con spaventosa rapidità, ricco e povero, quieto e inquieto; la sua scrittura lasciava intuire un’aggraziata ottusità; lui aveva sensibilità sia per la costrizione, sia per lo slancio. 
Una volta si ritrovò in un salone diviso in metà da una balaustrata di quercia scura. Peccato che sul letto non giacesse una bella donna. La stanza costava quaranta franchi; e più di diciotto franchi al mese per una camera lui non spendeva mai. 
Con rapide occhiate si saziò della vista da ogni finestra, prese congedo dal locale più elegante che avesse mai conosciuto, se ne andò via infelice per ridiventare poco dopo abbastanza felice. 
Per lui si trattava sempre di una nuova ricerca della stabilità nella perdita frequente della medesima. Tutto lo riguardava molto e per niente. 
Non essere mai in accordo con sé stesso era una delle sue peculiarità; non trovava mai il coraggio di credere di poter essere amato dalla gente, ma pure ogni volta udiva subito il suo cuore confortarlo su ciò. Non si riteneva né forte né debole, si volgeva ora da una parte ora dall’altra a seconda delle circostanze.

Erich


*


L'orso

Com’è diverso l’orso. Bello nel senso più rigoroso non è, anzi piuttosto un po’ comico nei suoi movimenti impacciati; abile e goffo, non si sa bene come bisogna prenderlo. Vuole porgerti la zampa, tu involontariamente ti tiri indietro. Non consideri che con la tua paura potresti ferirlo? Un orso possiede amor proprio. Stanotte ho sognato di un orso; mi ero tutto arruffato per la sua buffa immagine. Avevo compassione di lui: allungava il braccio verso una ragazza, lei, la sensibilità fatta persona, lui, sgraziato, neanche pettinato; di questo avrebbe dovuto preoccuparsi. «Lasciami in pace» disse lei, lui se ne andò via dritto come un uomo che capisce una parola, un cenno, andò a letto e si tirò addosso la coperta.



La rosa

*

Das Leben ist ein Schulaufenthalt ohne Lehrer.
La vita è una permanenza a scuola senza il maestro

Jakob von Gunten

Nessun commento:

Posta un commento

here we are