I vizi




I viçi

Viçi, ò ciave do còrpo, che ghe arvan
in çimma o taggio de 'nna bocca rossa;
no basta o xeuo di angei che ne sarvan
da-o teuscego sottî da goa e da mossa.
Se ghe stravedde o feugo de l'inferno,
unn'oa a pâ mille de derruâghe drento;
o viçio o finze o gusto de l'eterno
in sce sta tæra, co-o savô do vento.
Lengue de sciamma bleu toccan a lengua
e son i lampi açeixi d'un licô
che ti ti ghe væ apreuvo, ma o deslengua
e ti te o scòrdi zà, e coscì l'amô.
No ve savieiva dî se gh'é chi arriva
à l'inmortalitæ traverso o viçio,
ma sotta a seu scorriâ a vitta a l'é viva,
in mezo a-o mâ in borrasca do capriçio.
In mezo à l'invexendo de sto mondo
e con mai tante poscibilitæ,
l'é a vitta o viçio: un posso sensa fondo,
donde no poemmo mai levâse a sæ.



Vizi, ovvero chiavi del corpo, cui aprono
in cima il taglio di una bocca rossa;
non basta il volo degli angeli a salvarci
dal veleno sottile della gola e della vulva. 

Vi si intravede il fuoco dell'inferno,
non si vede l'ora di precipitarvisi dentro;
il vizio simula il piacere dell'eternità
su questa terra, con il sapore del vento.

Lingue di fiamma blu toccano la lingua 
e sono i lampi accesi di un liquore
che segui, ma si scioglie
e già lo dimentichi, e così è dell'amore.

Non vi saprei dire se vi sia chi arriva
all'immortalità attraverso il vizio,
ma sotto la sua frusta la vita è viva,
in mezzo al mare in tempesta del capriccio.

In mezzo alla confusione di questo mondo
e con così tante possibilità,
è la vita il vizio: un pozzo senza fondo,
dove non possiamo mai levarci la sete.

trad. dell'autore



*

O Guasoni o l’è un de quelli scrïtoî che, segge inte poexie che inte pròse, o torna tutte e vòtte inti mæximi recanti de l’anima, ma o gh’arriva pe di strasetti delongo neuvi. A metafora de l’Autoritæ assolua ma priva de poei, [...]

Andrea Acquarone, a proposito di una prosa

Nessun commento:

Posta un commento

here we are