pari pari un post del prof!

Partì da ra sò vitta,
cara bella, oh che morte;
à carta ò calamitta
confià ra sò sòrte,
oh che affanno, oh che vive
duro da immaginà no che da scrive.
Parto, ve lascio, oh Dio,
in quenti squarsi e parte
l’annima in dive adio
se me strassa e se parte.
Unna stissa d’inchiostro
com’è bastante à dì quanto son vostro?
Son vostro, o bella cara,
sarò vostro in eterno:
l’annima in ogni cara
farà vitta d’inferno;
larga da ri vostri oeggi,
che farala de care, ni de scoeggi?
Frusta, languida, smorta
da tutt’hore dolente,
l’odirei lì à ra porta,
spirito impatiente,
repricave in prezensa
quello ch’a ve protesta oura in partensa.
Che à vuoi sola nassua,
per vuoi sola a respira;
che ro loego ch’a mua
no porrà moæ partira
da ro sò proprio luoego,
da voì, foera dra quà l’è dent'ro foego.
Ma zà sento ro tiro,
cangio ro canto in chienti;
mando questo sospiro,
vaggo per ri mæ venti;
amó, che bella festa,
comme posso partì se ro cuoe resta?


Separarsi dalla propria vita, bella cara, oh, che morte! affidare a mappa e calamita la propria sorte è un affanno, un vivere duro da immaginare e da descrivere. Parto, vi lascio. oh, Dio, in quanti pezzi l’anima, nel dirvi addio, si squarcia, si divide. Ma una goccia d’inchiostro come può dire quanto vi appartengo? Vi appartengo, bella cara, vi apparterrò in eterno. L’anima in ogni approdo farà vita d’inferno; lontana dai vostri occhi come potrà godere i golfi e le scogliere? Consunta, languida, pallida, ognora dolente, l’udrete alla porta – spirito impaziente – replicarvi di persona ciò che ora vi dice alla partenza. Che nata solo per voi, per voi sola respira; che pur cambiando sito non potrà mai separarsi da voi, lontano dalla quale vive nel fuoco. Ma ecco, sento il richiamo, cambio il mio canto in pianto, rilascio un ultimo sospiro e vado al mio destino. Oh, amore, come posso partire se il mio cuore rimane?



Questa Canzone I delle Civili resta per me associata a un ricordo di gioventù. Mi ero appena iscritto all'università di Genova con qualche convinzione che lì si potesse discutere di letteratura genovese. Ero allora in relazione di stima deferente - amicizia sarebbe eccessivo - con un illustre professore di letteratura italiana, un luminare del periodo barocco. Ogni tanto ci facevamo qualche amabile chiacchierata (tra il sospetto della corte di giovani leoni in sua perenne adorazione), a lui interessava Cavalli, anche se mi aveva confessato candidamente (era un uomo sincero, per essere un accademico) che la prima volta che lo aveva sentito nominare era stato in un mio articoletto su una rivistina della biblioteca Aprosiana di Ventimiglia. Di Cavalli gli interessavano, come è ovvio, le "maravegie" e gli artifici, gli sembrava inaudito che questo tizio qui potesse permettersi di fare in genovese, come aveva scritto Chiabrera, tutte quelle cose "imaginate e à pena credute". Bene, un giorno la conversazione cadde sulla "sincerità" sentimentale del poeta. Per lui un poeta barocco, sintetizzando il ragionamento, non poteva per definizione essere "sincero" e soggettivo, a maggior ragione se scriveva in una lingua che era di per sé un "divertimento" come nel caso del genovese. Gli feci leggere questo testo, che è sì pieno di "maravegie" letterarie (basta guardare come Gian Giacomo gioca sul triplice significato di "cara", ossia "amata", "viso" e "cala, golfo", il metro chiabreresco, la contrapposizione petrarchesca tra canto e pianto...), ma che a me sembrava anche l'autentico commiato di un uomo che va per mare. Niente, non riuscii a convincerlo che il povero poeta Cavalli potesse avere davvero una persona a cui teneva, nutrire un sentimento, uno straccio di nostalgia. Bravo poeta, niente da dire, tecnicamente ineccepibile a dispetto dell suo buffo vernacolo, ma contenuti, niente, a quanto pare nell'Italia del sec. XVII non era usuale (in Spagna sì, ad esempio, ma chi lo avrebbe spiegato al professore che G.G.C. conosceva Góngora e Quevedo meglio del cavalier Marino?). Dopo qualche episodio come questo riformulai il mio piano di studi ed eliminai completamente la storia della letteratura italiana. Un paio di anni dopo pubblicai i sei volumi della "Letteratura genovese e ligure". Col professore rimasi in relazioni di affettuosa stima, era comunque un gran signore, come nell'ambiente "intellettuale" genovese già da tempo non se ne trovano più.
Fiorenzo Toso

marinaio sul sagrato a S.Martino di Struppa, ex voto









La bella baldoria non mi riuscì -
ora come allora - non ho il fisico.
Ho perso di vista l'Aquila e Vega,
ci vedo ma ho perso la vista d'aquila.


A vista navigo, l'occhio alla meta...
necesse navigare senza vita.
Non stride la ruota della fortuna?
Il fato dona... e solo Dio perdona.




Presagio, Libro delle figure



Vorgefühl
Das Buch der Bilder




Ich bin wie eine Fahne von Fernen umgeben.
Ich ahne die Winde, die kommen, und muß sie leben,
während die Dinge unten sich noch nicht rühren;
die Türen schließen noch sanft, und in den Kaminen ist Stille;
die Fenster zittern noch nicht, und der Staub ist noch schwer.

Da weiß ich die Stürme schon und bin erregt wie das Meer.
Und breite mich aus und falle in mich hinein
und werfe mich ab und bin ganz allein
in dem großen Sturm.








Presagio
Libro delle figure




Sono come un vessillo in mezzo al vuoto.
Ho presagio dei venti che verranno, e li vivrò,
mentre le cose sono ancora immote;
ancora le porte si chiudono lievi e nei camini è la calma;
non tremano ancora finestre, e ancora la polvere pesa.

Io so già le tempeste  e sono eccitato come il mare.
E mi dispiego e ricado in me
e mi distacco e sono tutto solo
nella grande tempesta.


*
Arnold Schoenberg: Four Orchestral Songs Op. 22 (4. Vorgefuhle)
https://www.youtube.com/watch?v=evkhwdzEcW4



E stradde


A luxe gianchìscima, arba,
de antighe mattinn-e
a muagia de nuvie òua a garba,
lontann-e, vexinn-e.
A luxe di antighi collegi
co-i tristi figgeu,
che prégan e van de pe-i vegi
saloin e corrieu
e van e se tégnan pe man
e ammìan un pò ròuxi,
ciù in là di rastelli lontan,
l'inäio di mòuxi.
e chinn-an, un giorno, in bregadda,
co-i sò pessin späi
a-e àgrime sàie da stradda,
à persci lunäi.
Un àngeo co-e äe grende o veua
unn'àmoa de ciæo
e o gäro di giorni de scheua
o vegne ciù ræo.
Strazetti ch'anàvan a-a mænn-a,
là donde i messiäi
ammiàvan o mâ e fàvan cænn-a
a-i tempi ciù amäi,
son ombre de stradde scentæ
da-a pùa de sto mondo
e i mòrti, à l'orbetta, astrunnæ,
ne çèrcan o fondo.
I nommi da stæ d'in scê lasse
sarçìscian o çê
aggueitan da lögie e terrasse,
prelùxan d'amê.
E i ærboi, a-o reciammo da stella,
co-e sò ciöme imböse,
se séntan che drento a strixella
a vitta de cöse,
ch'a passa inte feugge e a raxonn-a
da-o cheu da fontann-a,
da-e reixe da tæra a tontonn-a
co' un son de campann-a.



Le strade. La luce bianchissima, candida / delle antiche mattine /
ora buca il muro di nuvole, / lontane, vicine. // La luce
degli antichi collegi / con i malinconici bimbi, / che pregano
e vanno per i vecchi / saloni e corridoi // e vanno tenendosi
per mano / e guardano con un po' di malumore, / oltre i cancelli
lontano, / l'agitarsi delle onde, // e scendono un giorno,
in brigata, / con i loro piedini pallidi, / alle lacrime
salate della strada, / a perduti lunari. // Un angelo
dalle ali grandi versa / un boccale di chiarore / e la foschia
dei giorni di scuola / si fa più rada. // Stradine che andavano
alla spiaggia, / là dove i nonni / guardavano il mare inoperosi /
ai tempi più amari, // sono ombre di strade sparite /
dalla polvere di questo mondo / e i morti, alla cieca, storditi,
ne cercano il fondo. // I nomi dell'estate sulle spiagge /
percorrono il cielo / fanno capolino da logge e terrazze /
brillano di miele. // E gli alberi, al richiamo della stella, /
con le loro chiome rovesciate, / avvertono scorrere dentro /
la vita delle cose. // che passa nelle foglie e discorre /
dal cuore della fontana, / brontola dalle radici della terra /
con un suono di campana.

Aquarelle en cinq minutes






Oh ! oh ! le temps se gâte,
L’orage n’est pas loin,
Voilà que l’on se hâte
De rentrer les foins !…

L’abcès perce !
Vl’à l’averse !
O grabuges
Des déluges !….

Oh ! ces ribambelles
D’ombrelles !….
Oh ! cett’ Nature
En déconfiture ! ….

Sur ma fenêtre,
Un fuchsia
A l’air paria
Se sent renaître….




Acquarello schizzato



Oh! Oh! Si guasta il tempo,
È vicino lo scempio,
Si corra come il treno
A ritirare il fieno.


L'ascesso scoppia!
Toh lo scroscio!
O diverbi
Dei diluvi!


Oh! I ruscelli
Di ombrelli!...
Oh! 'sta Natura
Nella rottura!...

E alla finestra
Una fucsia
Dall'aria paria
Si sente desta.



Giornæ de sô - (negli idiomi originari detti dialetti)





Sensa ûnn-a nûvea o çê, netto, tûrchin; l'äja tepida, sann-a, profûmâ: o baxa i schêuggi, o bägia in sce l'aenin quæxi sens'onda, sensa maoxi o mâ: tûtti i monti da Vötri a Portofin son spassæ pan sciortii da ûnn-a bûgâ... che bello sô! pâ, intrando pe-i barcoin, ch'o digghe: – no l'é tenpo de ciömâ. – Fortûnôu chi ha duî parmi de terren: se sappa l'ortiggiêu, s'alliama a villa, se canta, se scigöa, se va e se ven: gh'é quarcosa in te l'aja che recilla, che recuvea, che piaxe, che fa ben…. brilla o çé, brilla o mâ, l'anima a brilla. [...]



verbes qui expriment la vie



La flamme, parmi les objets du monde qui appellent la rêverie, est un des plus grands opérateurs d’images. La flamme nous force à imaginer. Devant une flamme, dès qu’on rêve, ce que l’on perçoit n’est rien au regard de ce qu’on imagine. La flamme porte sa valeur de métaphores et d’images dans les domaines de méditation les plus divers.
Prenez-la comme le sujet d’un des verbes qui expriment la vie et vous verrez qu’elle donne à ce verbe un supplément d’animation. 


La flamme d'une chandelle