debolezza vs. opinioni / Schwäche versus Meinung







ph: TroveRete








Ich sage / sie sagt /
hin & wieder: ich will nicht
wie aus einer Grundschwäche
spricht eine Meinung Schwäche
spricht eine Schwäche Meinung



Dico io / dice lei /
in qua & in là: non voglio
come da una debolezza di base
parli un’opinione sulla debolezza
parli una debolezza sull’opinione


*


Das Glücksgefühl lief beim Lesen mit - als Vorfreude - am Rückgrat entlang.
Poesie ist schlichthin Glück.

Gedichtverdacht

La sensazione di felicità aleggiava nel lèggere - come pregioia - lungo la spinadorsale. Poesia furtivafelicità.

Sospetto di poema

















*

Tu



Ph: TroveRete






Un solo hombre ha nacido, un solo hombre ha muerto en la tierra. Afirmar lo contrario es mera estadística, es una adición imposible.
No menos imposible que sumar el olor de la lluvia y el sueño que anteanoche soñaste.
Ese hombre es Ulises, Abel, Caín, el primer hombre que ordenó las constelaciones, el hombre que erigió la primer pirámide, el hombre que escribió los hexagramas del Libro de los Cambios, el forjador que grabó runas en la espada de Hengist, el arquero Einar Tamberskelver, Luis de León, el librero que engendró a Samuel Johnson, el jardinero de Voltaire, Darwin en la proa del Beagle, un judío en la cámara letal, con el tiempo, tú y yo.
Un solo hombre ha muerto en Ilión, en el Metauro, en Hastings, en Austerlitz, en Trafalgar, en Gettysburg. Un solo hombre ha muerto en los hospitales, en barcos, en la ardua soledad, en la alcoba del hábito y del amor.
Un solo hombre ha mirado la vasta aurora.
Un solo hombre ha sentido en el paladar la frescura del agua, el sabor de las frutas y de la carne. Hablo del único, del uno, del que siempre está solo.

Un solo uomo è nato, un solo uomo è morto sulla terra.
Affermare il contrario è pura statistica, è un’addizione impossibile.
Non meno impossibile che sommare l’odore della pioggia e il sogno
che hai sognato ieri notte.
Quell’uomo è Ulisse, Abele, Caino, il primo uomo che ordinò le costellazioni,
l’uomo che innalzò la prima piramide, l’uomo che scrisse gli
esagrammi del Libro dei Mutamenti, il forgiatore che incise rune sulla
spada di Hengist, l’arciere Einar Tamberskelver, Luis de León, il libraio
che generò Samuel Johnson, il giardiniere di Voltaire, Darwin sulla prua
del Beagle, un ebreo nella camera letale, un giorno tu e io.
Un solo uomo è morto a Ilio, nel Metauro, a Hastings, ad Austerlitz, a
Trafalgar, a Gettysburg.
Un solo uomo è morto negli ospedali, sulle navi, nell’ardua solitudine,
nella camera dell’abitudine e dell’amore.
Un solo uomo ha guardato la vasta aurora.
Un solo uomo ha sentito sul palato la freschezza dell’acqua, il sapore
della frutta e della carne.
Parlo dell’unico, dell’uno, di colui che sempre è solo. 







Il tempo




Il tempo è un fiume che mi trascina,
ma sono io quel fiume;
è una tigre che mi divora,
ma sono io quella tigre;
è un fuoco che mi consuma,
ma sono io quel fuoco.
Il mondo, disgraziatamente, è reale;
io, disgraziatamente,
sono Borges.







*

salvati dalle acque





ph: Salsel, Salvato dalle acque



Di te m’ero quasi  liberato,
d’improvviso sei riapparsa svestita
così schiavo di te sono tornato.


Tu sorridi guardandomi beffarda
e quando bene ti sei divertita
m’abbandoni; e la morte mi è tarda


ma poi viene e mi si para avante
ed in questa penombra della vita
di quella ch’amo ravviso il sembiante.
Post scriptum
Giovanni Giudici, un giorno m’hai detto:
“Sono ormai secchi i rami del presente
in poesia si torni al Duecento”.
Ne desti esempio e io qui t’accontento.





Dirò: «sii pietoso» quando qualcuno
vorrà scavare la terra
dove da anni riposo.
«Siamo sette miliardi» sento già che risponde.
Poi «non ti sei ancora dissolto?» domanda scherzoso.
«Che giorno è?» chiedo, come fosse importante,
ma così per sapere se sono ancora nel tempo
ora che devo lasciare
l'ultimo lembo di spazio.
Sento che agita una zappa.
«Non fracassarmi il capo –invoco-
è quello che ancora mi resta d’umano.»
«Quando sarà il mio turno –risponde l’ignoto-
non sarò così vano. E poi –soggiunge-
se hai da fare qualche protesta
rivolgiti al padrone del campo
oggi è domenica, è la sua festa».


I miei versi portano
sull’abito di tutti i giorni
uno strano berretto metafisico,
mostrano tatuaggi fantasiosi
sopra la pelle riarsa,
si sporgono nel vuoto con
trattenuta disperazione.


Recitano le memorie confuse
di un viandante smarrito, di un vecchio
che fruga solitario
tra i ricordi dell’esistenza.
E si scavano dentro
per il dubbio che li tormenta,
brancolando nel buio tastano
le porte segrete della morte.













*

Mem u Zin, l'epopea curda del XVII sec.





http://www.ifkurds.de/en/publications/item/66-mem-u-z%C3%AEn-%E2%80%93-a-classical-17th-century-epic.html







ph: Anselma Lo








*

In.quadri.amo (lunapiena del solstizio d'estate) in quartina






ph: salsel, In.quadri.amo lunapiena






Notte da ufi gufi e anche lupi

No io leggendo i morti sono in piena
comUnione con chi mi Pare e Piace
sì io leggendo i vivi sono in forse
afferro e mollo chi il collo mi morse.












*

sigla e sigillo



Bianca rosa in mano anziana


blogicarian on the Net, the marriage of true mindes


ph: TroveRete Potenza in Lombardia








Let me not to the marriage of true mindes
Admit impediments, love is not love
Which alters when it alteration findes,
Or bends with the remover to remove.
O no, it is an ever fixed marke
That lookes on tempests and is never shaken;
It is the star to every wandring barke,
Whose worths unknowne, although his higth be taken.
Lov's not Times foole, though rosie lips and cheeks
Within his bending sickles compasse come,
Love alters not with his breefe houres and weekes,
But beares it out even to the edge of doome:
   If this be error and upon me proved,
   I never writ, nor no man ever loved.

alters...finds] love that is changed when the beloved changes (i.e. ages) is not true love
bends with...remove] to change one's state when one's beloved is gone
mark] shipping beacon 
whose worth's unknown] whose nature and substance (and also value) is beyond human comprehension. 
his height be taken] its altitude is scientifically or mathematically calculated. "To take height" was a normal technical term in astronomy and navigation. 
Time's fool] something for Time to laugh at, as a king would laugh at the fool at court. 
12 to the edge of doom] until Doomsday. i.e. not "til death do us part" but till the end of the world. 
13 upon me proved] proved against me. This is the language of legal challenge.   











*