Quarta etæ








Inte l'antiga Romma aiva da nasce,
ò inta Zena affoinâ a-i tempi do Döia;
no diggo a-o çê da libertæ e da glöia,
ma inte 'nn'ostaia tra xattæ e bagasce.


Che un Re o ghe segge à comandâ in sciô mondo,
un solo Poei pe tutti, comme 'n Poæ:
ponte a-a giustiçia de l'eternitæ,
lumme 'nta neutte, à rescciæâ o prefondo.

Se un Prìnçipe, de d'äto a-a fummeghëa
de l'Istöia, o sprandeiva comme l'öo,
un pittin de speansa e de resciöo
finn-a pe-i ratti da coniggio o gh'ëa

e gh'ëa a breiga de vive e ammiâ a veitæ
ch'a l'ëa stæta bruttâ, ma a gh'aiva un Regno;
finn-a se l'Imperòu o no n'ëa ciù degno,
in lê a viveiva; e quello me bastiæ.

Scibben che a marsa a rosiggiava zà
i erchi de sante euvie de l'Impëio
e o regòrdo di Ereu o vegniva pëio,
scin a-a fin s'é posciùo miâ o sô, e ciù in là.

Òua a neutte a l'é pinn-a in scî muasci
e cianze i euggi veui do Tiatro antigo,
e o Pappa o reze a croxe; e l'Innemigo,
o rïe sott'euggio, in mezo à sti destrasci.



Quarta età - 

Nell'antica Roma dovevo nascere, / o nella Genova astuta ai tempi del Doria; / non dico sotto il cielo della libertà e della gloria, / ma in una taverna, tra magnaccia e puttane. // 

Che un Re vi sia a comandare sul mondo, / un solo Potere per tutti, come un Padre: / ponte verso la giustizia dell'eternità, / lume nella notte, a rischiarare l'abisso. // 

Se un Principe, sopra la nebbia / della Storia, splendeva come l'oro, / un poco di speranza e di ristoro / poteva esservi, persino per i topi di fogna, // 

e valeva la pena di vivere e guardare la verità / che era stata sporcata, ma possedeva un Regno; / anche se l'Imperatore non ne era più degno, / in lui essa viveva; e ciò mi basterebbe. // 

Benché la tabe rosicchiasse già / gli archi delle sante opere dell'Impero / e il ricordo degli Eroi andasse sbiadendo, / fino alla fine si poté guardare il sole, ed oltre. // 

Ora la notte è piena, sui ruderi, / e piangono gli occhi vuoti dell'antico Teatro, / e il Papa sorregge la croce; mentre il Nemico, / in mezzo a questi strazi, ride di sottecchi. 

2006

trad. Alessandro Guasoni

Nessun commento:

Posta un commento

here we are